Le Ragazze dell’Argentario…

P90322-182927
Tramonto dalla casa sul mare….

Mi è capitato di portare molte persone a camminare, ma sul Monte Argentario è stata la prima volta che accompagnavo solo un piccolo gruppo di donne amiche tra loro già da tempo.

Già dalla prenotazione c’era un’aria diversa: parlavi/scrivevi/comunicavi con una e lo facevi con tutte. Una sorta di fiducia nella decisione di una sola per tutte quante.

P90324-115131
L’Isola Rossa in un passaggio di cammino.

Loro “Le ragazze dell’Argentario” sono  così venute insieme (Alessandra con un abbigliamento di chi è stata ‘rapita’ all’uscita dal lavoro :), sono venute allegre, interessate, curiose e fiduciose in quel che una di loro aveva raccontato della piccola esperienza avuta con me sui monti della Laga, lo scorso anno, mentre aiutavo nell’accompagnamento del numeroso gruppo di LibroTrekking.

P90323-111323
Verso Capo d’Omo

La socialità insita nella scelta di alloggiare in una casa come vecchi amici ha avuto il merito di legare gli animi oltre la semplice condivisione del cammino.

Ognuna tolti i panni della città si è messa a disposizione, ognuna interessata di quel che Paola andava preparando, ognuna partecipe con la propria esperienza in fatto di cucina come del vivere, ognuna per sè e per tutti.

P90323-111815
Bellezza e Meraviglia.

Scrivo questo per dare un’idea di quel che è stato il camminare, il mangiare all’aperto, lo stare davanti al fuoco con le parole semplici delle letture e delle storie che ognuna raccontava, discuteva, il condividere scenari di incredibile bellezza: di mare orizzonti tramonti…

Il libro scelto: Mi sa che fuori è primavera, di Concita De Gregorio ha sollevato delicatamente alcune questioni personali che ognuna ha avuto il coraggio tranquillo di non celare ma di rivelare a Paola, a me sconosciuti.

P90321-201824
Luce e Calore dopo il tramonto…

Così ognuno si è mostrato per quel che è davvero (o nella sua parte più vera), ognuno con le proprie debolezze, con la propria bellezza, ognuno capace di far sentire l’altro uguale e accolto. Donne che oltre l’apparenza di un cappotto elegante o di un sorriso di circostanza hanno un coraggio di vivere che da solo basta a farle splendere apprezzandole, da solo basta per volergli bene, da solo basta per sentirsi vicino a loro e sostenerle come si può.

P90324-134734
Pranzo all’aperto prima di andare via…

Eppure, la cosa che ho amato di più in loro è stato il gioco, la serenità e la leggerezza di ridere e sorridere senza timore delle loro immagini: le fotografie riviste la sera tra di loro, ascoltandole dal di fuori avresti potuto dire che dietro la finestra c’erano delle ragazzine dopo la prima uscita senza i genitori… la loro voce ilare era un suono cristallino che non aveva età.

Queste le ragazze dell’ Argentario.

P90323-115111

A loro il mio grazie.

 

 

Marzo 2019 – Corso Ospitaleri Volontari – Acquapendente (VT)

Accogliere.

E’ il verbo più spesso usato nei tre giorni del corso per Ospitalieri Volontari.

E’ una parola semplice eppure enorme.

Rivoluzionaria in questi tempi.

Ed è un po’ di tempo che mi gira attorno.

La leggo spesso nei post su fb, perché amici impegnati nel sociale ne fanno un uso che qualcuno vorrebbe considerare illegale.

L’ho trovata anche nell’ultima (2018) madonnella affissa su di un palazzo di Roma.

DSC_0163.JPG
Madonna dell’Accoglienza – Corso Vittorio Emanuele, Roma.

Avete notato il colore della madonna e del bambinello? Rivoluzionario, appunto!

Sono approdato al corso accogliendo (torna il verbo accogliere… 😉 le storie che amici conosciuti in cammino mi hanno raccontato su questa esperienza. Mi sembrava una buona scelta impegnarsi un po’ sulle vie dei cammini, con le persone che si mettono in cammino, come ho fatto io. Impegnarsi nella forma che preferisco quella donativa; qui la parola assume un significato pieno: doni il tuo tempo, doni le tue energie, sostieni i tuoi bisogni di cibo. In cambio ricevi le persone.

Durante il corso molti ricordi del cammino, il mio risale al 2011, sono tornati alla mente. Rivivere l’esperienza con i propri pensieri uniti a quelli degli altri ti apre una bella dimensione di condivisione con chi poco prima era un perfetto sconosciuto.

Sconosciuti per poco, appunto, perché ognuno a modo suo, ma ugualmente tutti sentivamo di condividere qualcosa di veramente semplice, veramente bello. Tutti disposti a mettersi in gioco, anche se ci veniva ripetuto spesso che il lavoro sarà duro! duro! duro! Tutte belle persone che dopo i primi istanti riconoscevi, partecipavi, vivevi.

P90308-190401.jpg
Colpisce la moltitudine…

Liberando la memoria sono stato portato a valutare il tempo trascorso da allora…

Mi sono cosi ritrovato consapevole di una leggerezza che finora avevo solo intuito, fatta di alcuni passaggi:

Completare il percorso con mia madre… Che non smette mai di unirmi alle persone che sentono questo amore come cosa grande.

Prepararmi per viaggiare/camminare, un po’ all’avventura, scoprire la natura e condividere le esperienze, sentirmi umano e basta.

Aprire la porta di casa per fare della mia realtà abitativa un sostegno economico importante per la mia vita e accogliere persone dal mondo: sconosciute, di passaggio, curiose di una Casa Imperfetta, bisognose di un posto che costasse il giusto, sorprese proprio dell’accoglienza e dello scambio reciproco, imprevisto normalmente.

Chi mi legge, chi mi conosce mi può immaginare contento.

Accogliere.

Parola che inizia con la A, come il primo gesto che ha fatto Giovanni al mio ingresso alla Casa di Lazzaro di Acquapendente, sorprendendomi: un Abbraccio, che tra pellegrini ci si abbraccia.

Altra rivoluzione.

IMG-20190312-WA0047.jpg
Grazie.

 

 

 

 

 

Ospitalità… mia madre avrebbe sorriso.

P90303-214017.jpg
Julia, Dortje, Paola e Fernanda.

Ecco qui la prima cena con i miei ospiti, nella Casa Imperfetta: cena inaugurale!

Julia e Dortje sono due ragazze tedesche che girano l’Italia per musei e arte, hanno trovato su AirBnB il mio annuncio e sono venute a stare qualche giorno nella mia casa.

Mi è sembrato naturale invitarle a cenare insieme in una delle loro serate… L’inglese non era perfetto, chiedere di portare del vino a chi non beve non è stato brillante,  ma la serata aveva il calore di amici che con piacere si trovano a condividere un po’ di Tempo. Il cibo vegetariano, il vino buonissimo e anche il dolce inventato: pane, ricotta e marmallata di pere sono stati perfeti per accompagnare la conversazione e la curiosità.

In questi giorni di ‘preparazione’ al ricevimento dei primi ospiti, camminando per la città mi scoprivo contento che presto qualcuna di quelle persone straniere che incontravo per la via sarebbero passate per casa.

La sera sentendo le risate sonore e contaggiose di Julia mi è venuta in mente mia madre, sarebbe stata contenta di esserci anche lei, ne sono sicuro, anche se per ironia della sorte, le prime ragazze che sono venute, che hanno dormito nella stanza in cui è nata sono state tedesche, e lei i tedeschi diceva di non sopportarli per un lontano passato vissuto… Ma il cuore delle persone è più grande dei pregiudizi e mia madre avrebbe accolto con un sorriso quelle due ragazze sconosciute eppure coraggiose, solari, belle e gli avrebbe detto di tornare che la porta di casa sua è sempre aperta.

Andrò nel fine settimana a fare un corso per diventare Hospitalero sulla Via Francigena, poi magari sul Cammino di Santiago chissà… racconterò questa esperienza e il sorriso che l’ha accompagnata.

Domani arriva un’altra persona, arriverà a notte tarda, la sto aspettando per aprirgli la porta…

…e mentre scrivevo questa piccola storia una nuova prenotazione ha fatto vibrare con un sms il mio cellulare, il mondo è in movimento e passa di qui.

 

P.s. Ringraziamenti vanno a Paola e Fernanda per il contributo alla preparazione della cena e per l’inglese 😉

 

 

 

3 Febbraio 2019 – Di giardino in giardino, di storia in storia…

Comincia con un dono la nostra giornata:

P90204-161710
Le ultime due ciambelline al vino dentro il barattolo di vetro…

Ciambelline al vino in due sacchetti separati, per le due case e le persone che ospitano: per la colazione a casa mia e per il pranzo in casa di Paola a fine cammino. Questo il primo pensiero di chi non sapeva neanche se avrebbe partecipato ché il meteo… ché forse è stata annullata l’iniziativa… ma che faccio suono al citofono, sveglierò qualcuno?

Già la colazione davanti alle finestre della veranda doveva far capire come sarebbe trascorsa la giornata. Seppur appena conosciute le persone convenute non si alzavano più dalla sedia, ché si stava davvero bene a mangiare e chiacchierare!

Il giorno poi una volta usciti è stato senza orologio né cellulare (Ops! dimenticato 😉 dove le poche persone si accompagnavano con passi di stupore: ma questo giardino è… quello ‘ritrovato’ all’interno di Palazzo Venezia, con le parole delle letture, testi brevi due volte ripetuti ad alta voce per farli scivolare dentro dopo che avevano accarezzato la curiosità della superficie, delle conversazioni su Roma, sul coraggio di uscire, di mettersi in gioco, sulla fiducia che ti porta a raccontare i sogni difficili che ti accompagnano la notte, sul prendere un caffè e un dolce siciliano in un momento in cui la pioggia si faceva sentire: Non conoscevi questo posto? 🙂

Sul secondo dono che è stato il portare un brano da leggere agli altri convenuti, sconosciuti… scritto a mano su di un foglio…

P90204-165829

L’argomento era l’amore nella sua accezione più ampia, dai molti risvolti. Così siamo stati giudati di giardino in giardino dalle storie di questo libro:

Nove storie sull'amore

E dal piacere di stare insieme.

Il tempo è scorso come sabbia nella clessidra, senza rumore… così siamo arrivati tardi al pranzo da Paola 🙂 saltando anche alcuni stop di lettura/giardino previsti. Così vanno le cose con i miei programmi cambiano col cambiare della giornata, delle persone.

Ma non se ne aveva abbastanza di quella leggerezza che anche il pranzo si è allungato nel cibo e nelle conversazioni neanche fossimo ad un matrimonio. Solo alle 17:30 altri impegni ci portavano da alzarci e salutarci rompendo le righe con un arrivederci!

 

p.s. mi interrogo spesso, nei momenti di dubbio e di difficoltà, se portare avanti iniziative con poche persone, ché in fondo c’è un’idea di lavoro, di guadagno, poi alla fine mi accorgo sempre che un numero piccolo ha in sé una ricchezza, un plus-valore che mi meraviglia ogni volta, lasciandomi ricco oltre la sempre viva generosità che le persone mostrano.

 

15-16 Dicembre . Il piacere di stare insieme.

P81216-074728.jpg
La grande quercia, custode di Monte Maria.

Ester, Irene, Viviana, Claudia, Lorenzo e poi Paola e Pietro, Tiziana e Peppe ma anche Andrea e Luigi e altre persone si sono incontrate a Monte Maria ovvero al Casale Gatta Morena che vi è sopra.

Strade diverse ci hanno portati a condividere ‘il piacere di stare insieme’, a vario titolo: Chi insegnava, chi imparava, chi cucinava, chi leggeva, chi aspettava, chi ascoltava, tutti mangiavano ma diverso e anche uguale, chi aveva un papà da ‘nuovo cinema paradiso’, a chi invece ne aveva uno che ha ‘lanciato’ Terence Hill, che ora si alza alle cinque per preparare il caffè e scaldare la casa per tutti. Chi sorelle, chi con la compagna che non è venuta, chi con tanti episodi su un parco sul mare da raccontare. Chi bionda, chi castana, chi coi capelli lunghi e chi corti, chi con pochi e un gran sorriso semplice. Chi dalla Sicilia, chi da Roma e vicino Roma un po’ a nord, un po’ a sud, chi invece vive a San Giovanni, fermata metro A 🙂

Tutti, davvero tutti, hanno messo l’ingrediente giusto e della giusta quantità per far riuscire l’alchimia del titolo: il piacere di stare insieme.

Certo, abbiamo camminato dai formaggi dei Fratelli Pira, all’Antica Castro: un anello di storie sull’amicizia, di passi e sorprese, di etruschi e meraviglia, di cacciatori e di cerbiatti, di ricotta e pane, tagliato e spalmato prima del pranzo… delle TRE!

P81215-142950
La ricotta è durata poco, davvero!

Certo, abbiamo lavorato con attenzione sui quaderni che andavamo a rilegare sotto la guida attenta, fatta di parole e gesti, di Paola, c’era un così bel calore nella stanza che il vento di fuori, il freddo erano lontani e dimenticati. Che colori e che geometrie nei fili tra i fogli! Che piacere vedere che anche chi aveva annunciato di non avere una vena creativa: io con le mani… si era messo di buona lena con risultati davvero interessanti 🙂

Certo, c’è stata una cena collettiva in cui due bottiglie di prosecco e tante altre cose liquide e solide si sono trasformate in energia 🙂 e qualcuno continuava a chiedersi dove mai finivano le energie che mangiavo io… 😉 Una tavola di tredici persone, di cui molte fino al momento prima neanche si conoscevano!

P81216-081704
Il tavolo di lavoro e della convivialità.

Certo, la buona notte è stata un ‘apparecchiere la tavola per colazione’ ma solo dopo, dopo il viaggio nella notte fino alla vasca termale, fino al bagno caldo 41°, fino al rilassamento totale ma col cappello in testa e il costume addosso ! Felici di cercare una stella cometa che non si vedeva e di trovare delle stelle cadenti che tranciavano il cielo per un tempo quasi infinito…

Certo, c’è stata la colazione proprio sul tavolo apparecchiato la sera, e poi il cammino tranquillo, lieve, con una meta particolare: andare a trovare un orso buono di nome Andrea, nella sua casa/tana/laboratorio di monili e fantasie, che ci aspettava con vino, ricotta, pane e olio dei suoi ulivi, quello di Canino, quello che pizzica sulle labbra, per intendersi!

P81216-123124
In cammino per andare a trovare un amico…

Certo, ancora un pranzo c’è stato, sempre alle TRE! 😉 con il cibo di ieri e quello di oggi, c’è stato il secondo laboratorio e alla fine abbracci di saluto, quel trattenersi ancora un attimo per cercare di allontanare il ritorno.

C’è stato tutto questo, ma davvero non sarebbe stato nulla se ognuno non avesse accettato di giocare il gioco non sempre facile dello ‘stare insieme’, spogliandosi delle proprie rigidità, accettando umori, abitudini, pensieri e opinioni d’altri, donando una parte di sé, così come gesto naturale…

Tutto qui, come detto quasi l’achimia della pietra filosofale o giù di lì 🙂

Ho già detto che è l’inizio di una stagione? Non ricordo, fa lo stesso. Abbiamo motivo di credere che sarà bella.

P81214-171700.jpg

Da Monte Maria, si prende il volo per ogni dove, hai lo sguardo che spazia di trecentosessanta gradi attorno a te, ti senti libero di andare, ovunque.

Monte Maria, dove il sorriso è comune.

 

p.s. Questa è stata la prima iniziativa che ha visto insieme Monte Maria ovvero il Casale Gatta Morena ovvero Peppe e Tiziana, i Laboratori creativi di Rilegatura Giapponese di Paola Spigarelli e le mie proposte di cammini erranti con letture ad alta voce. Abbiamo ritrovato e seguito le tracce che un amico comune di nome Giancarlo aveva lasciato…

p.p.s. se siete arrivati a leggere fino a qui… grazie 🙂

 

Tracce GPS:

Monte Maria- Casa di Andrea Canino

Anello Fratelli Pira-Antica Castro-Fratelli Pira

 

Andare in Montagna con un amico…

Il suo nome è Santino, è un mio amico.

Qualche tempo fa mi ha proposto di accompagnarlo in Montagna, su una delle sue Montagne. Non c’è stato bisogno di pensarci.

P81111-140846.jpg
Novembre 2018 – Verso il Crepacuore…

Siamo saliti presto sul Crepacuore, da Campo Catino, per noi palcoscenico di una giornata di conversazione in parole e silenzi sulla Vita semplice che invece troppo spesso ci complichiamo.

Camminando lentamente un passo davanti al mio mi mostrava l’amore tantrico tra una pianta e una pietra, la ricordavava lì dall’ultima volta che c’era passato.

p81111-103025.jpg
Novembre 2018 – Amore Tantrico

Si fermava ogni tanto a prendere dei sassi, che si rivelavano dei fossili, preistorici abitanti del mare di un passato infinitamente lontano, li spiegava, li raccontava, si emozionava.

Si metteva a guardare l’orizzone, ti indicava e nominava quello che vedevi, e poi quello che non vedevi: Laggiù in quella direzione c’è il mare, e le isole Pontine…

Camminando rendeva al mio esistere un’armonia che sembrava dimenticata, lo dimensionava nel rapporto con il Creato, col Tempo levandogli quella patina ossidante che è il prendersi troppo sul serio

Mi indicava una tana, una pianta o un frutto, mi faceva cenno di avvicinarmi e odorare il profumo di un vecchio legno di ginepro che aveva spezzato. Mi chiedeva di sistemargli nello zaino le pietre che andava raccogliendo con curiosità e interesse, per aggiungerle alla sua collezione tanto privata quanto di tutti.

La Vita si faceva leggera, come il passo che andava senza fiatone né sudore.

P81111-113524
Novembre 2018 – Uno sguardo su Pizzo Deta.

La cima con la sua croce sopra era solo un punto di passaggio, non di arrivo, non rilevante. C’era e faceva parte di quel luogo, tutto qui. Senza nessuna enfasi. Come il Budda che aveva deciso di riporre a vegliare in una piccola crepa del Monte Viglio, ma  poi quando lo ha portato su l’ha trovata già occupata da una madonnina che altri avevano sistemato lì. C’era Lei e andava bene anche così. Il Budda è tornato nel suo giardino e veglia tutti da lì.

P81111-120305
Novembre 2018 – Orizzonti….

I tratti di silenzio che si sono susseguiti al ritorno, sempre più lunghi, avevano l’intesità di una conversazione su di un altro piano, più  intimo, più intenso ché le parole avrebbero distorto.

Non siamo stati mai soli, seppur a tratti registravamo distanze nei pensieri, sul sentiero, nelle attese dell’altro che andava più piano.

Così il cammino di quel giorno.

Un filo invisibile e antico come il mondo ci legava l’uno all’altro, e noi all’ambiente attorno. In questo stato ti vedevi piccolo al confronto, lo stesso sentivi un’armonia unica in cui comprendevi di essere al tuo posto.

Il ritorno a casa in auto , la notte ha parlato solo il silenzio. Non c’era nulla più da aggiungere a quello stato di grazia.

P81111-100838
Novembre 2018 – Santino e le sue Montagne.

 

Tracce GPS del percorso

 

Il ‘primo’ cammino delle Alte Vie…

p80729-122344.jpg

…si è concluso il 5 agosto, nella Baia del Silenzio (che silenziosa non era :), a Sestri Levante. Era partito da Varzi il 30 luglio. Potremmo dire che eravamo pochi: Lucia, Giuseppe, Luisa, Lia a cui si sono aggiunte Laura e Tina, ma il numero era perfetto per questa l’esperienza, questo l’ho compreso alla fine.

Sette giorni di cammino: intensi, difficili, emozionanti, nello stesso tempo lievi.

Sette giorni di cammino, di montagne, di solitudini, di silenzi, di amicizia.

Sette giorni di cammino, di creste e cime, di ruscelli e boschi, di frazioni di paesi e memorie di un passato partigiano, di vita difficile sui rilievi infiniti della terra ligure.

Sette giorni di rifugi: colazioni per partire e cene da inventare, trovare, cucinare per chiudere la giornata.

Sette giorni di Nuvole e Sole, Pioggia e Vento, Azzurro, Verde, Marrone nelle loro sfumature e blu immenso immerso nelle stelle.

Sette giorni: 140 kilometri che andavano zigzagando, digragando, giù giù sempre più giù…. fino al Mare.

Sette giorni di tutto, sette giorni di nulla: sette giorni di cammino.

P70714-204233
I ‘Monti Naviganti’ della Malga Zanoni…

Sette giorni ma il viaggio è cominciato due giorni prima… o un anno fa.

Un avventura comincia sognandola. Subito dopo ti impegni a realizzarla. Per questo posso scrivere che questo viaggio è cominciato un anno fa, perché allora è stato piantato il seme… Angelo e Milly, amici che iniziano a gestire la Malga Zanoni (dove siamo passati), Lucia, amica conosciuta da poco, che abita a Sestri Levante (dove siamo stati ospitati prima e dopo il trekking), un libro che illustra un percorso che taglia il Parco Regionale Naturale dell’Aveto e una rivista che racconta della Via del Sale: questi gli ingredienti base del seme, il resto tutto da inventare.

Ad Agosto 2017 (prima di questo blog) il primo sopralluogo dell’intero tragitto, a giugno di quest’anno le ultime esplorazioni, gli ultimi contatti, le ultime tessere. Tutto pronto, allora? Sempre no :), è la risposta! Organizzando un cammino sai da principio che non è mai ‘tutto pronto’, solo quando comincia l’avventura davvero, quando va in scena il tuo progetto quel che avevi sognato diventa definitivamente vero! Perché tante e tante sono le varianti che il destino può decidere di prendere, per questo il numero esiguo dei partecipanti è stato importante, perché ci si muove tutti insieme, ci si aiuta, si pazienta, si intraprende diventando… persone.

Per arrivare alla partenza c’è stato un avvicinamento nei due giorni precedenti. Da Roma siamo arrivati a Montiano, in Maremma, ospiti d’altri amici, un po’ di mare e tranquillità prima del salto in Liguria. Poi ci siamo spostati a Sestri Levante dove una piccola casa ci ha ospitato per la sera e la notte. Incredibile quanto sono calorose le case piccole quando accolgono tante persone… Il lunedì, dopo essere passati per Voghera a prendere la Lia, siamo arrivati a Varzi.

Sistemato gli zaini sulle spalle, allacciati gli scarponi è cominciata l’avventura. Si ha un brivido particolare nel sapere di avere la fiducia delle persone, non le porti sulle spalle (a volte può capitare di avere su i loro zaini….) le porti con te, dove solo tu sai e conosci come arrivarci…. Un brivido è anche la consapevolezza che questo è possibile per loro solo perchè tu hai messo il seme a dimona.

Il primo giorno è stato lungo, a tratti faticoso. L’inclinazione del corpo assunta alla mattina si è fermata solo alla sera, davanti al rifugio del Monte Chiappo, davanti a una birra soddisfatta e uno sguardo di intesa negli occhi che raccontavano… gli ampi sguardi verso l’orizonte tutt’intorno, davano respiro e motivavano il passo. Le creste che si succedevano, i momenti di pausa che si effettuavano avevano il ritmo del nostro fiato. Il primo giorno è particolare ché non sai bene cosa ti aspetta… ti senti fortunato ché l’ombra ha coperto i momenti di Sole pieno e il pomeriggio a colto l’andare sulle vie aperte della cima.

P80730-200848-1 (trascinato).jpg
30 luglio 2018 – Fine giornata: si scede dal Monte Chiappo.

Il piccolo albergo che ci ha ospitato era silenzioso, ci facevano compagnia quattro coppie di anziani che dopo cena si sono messi a giocare a carte uomini e donne, separati.

Dopo la mattina per uscire a prendere aria abbiamo scavalcato una finestra 🙂 non era ancora tempo di aprire le attività per l’albergo, ma per noi era già tempo di aria fresca da respirare.

Il secondo giorno porta al nuovo Rifugio del Monte Antola passando nel verde, tra le rocce, osservando monti a perdita d’occhio, leggendo la storia del L’uomo che voleva vedere il mare, seguendo sentieri partigiani: la storia più recente di quei luoghi.

P80731-172409
31 luglio 2018 – Vista dal MONTE ANTOLA

Il Monte Antola che ci ha visto di notte contare le stelle…

Il terzo giorno c’è stato un bagno di mondanità 🙂 passando per Torriglia, l’unico centro abitato con negozi e caffè, panifici e alimentari, auto e confusione…c’è stato l’incontro con Angela novantenne che dalla finestra ci racconva la storia della bella di Torriglia ritratta nella galleria della porta, del granaio e del castello con i passaggi sotterranei, c’è stato l’incontro con un signore che ci invita a prendere una aranciata fresca a casa sua, dopo che educatamente si era fermato con la macchina per permetterci di scattare una fotografia alla porta Fieschi…

P80801-122926.jpg
1 agosto 2018 – Piazza Fieschi, la porta di Torriglia.

Tutto prima di salire sul Monte Lavagnola, prendere la pioggia, magiare sotto la tenda e imboccare l’Alta Via dei Monti Liguri, che ci portava alti, più alti in Barbagelata al rifugio gestito dalla brontolona 🙂 signora Grazia, a cui dobbiamo un grazie per la cena, la colazione e il mangiare del giorno dopo. Barbagelata con la sua sofferta storia, che l’ha vista pagare duramente la scelta di stare dalla parte giusta.

 

Il quarto giorno il destino ci aveva riservato una sorpresa: un bagno inaspettato in una pozza di cui non si toccava il fondo…

P80802-133229
2 agosto 2018 – L’inattesa piscina sul cammino

Il corto tratto di cammino di questa giornata ci ha permesso di trascorere un tempo più lieve, di arrivare al Rifugio di Ventarola in tempo per evitare la pioggia e farci mangiare a tavola, ci ha dato la possibilità di riposare, recuparare forze e umori, stare un po’ insieme e anche il bello di doversi preparare il cibo, di sentire la disponibilità di tutti, di cogliere le sfumature di ognuno, di gustare il tempo davvero comune…

Il quinto giorno è stato forse il più pesante, ha messo in evidenza la stanchezza, le differenza tra le persone sulla capacità di camminare ancora, sul logorio del corpo, sul bisogno di fermarsi un po’… L’aver strutturato il cammino anche con punti dove era possibile agganciarsi o sganciarsi, prevedendo possibili innesti o dismissioni, ha avuto il suo risultato: arrivare alla Malga Zanoni ha permesso a due persone di fermarsi e scendere a Sestri ad aspettare, riposando di mare :), il nostro arrivo, e ad altre due di unirsi al gruppo che così cambiava, restando lo stesso numero. Ugualmente non è mancata la bellezza di vedere il mare per la prima volta, di sentire l’arrivo vicino anche avendo consapevolezza di non concludere il percorso, di immergersi nel verde che quest’anno era davvero straripante, di finire il giorno in un posto magico, al calore di amici che ti curavano prima col sorriso poi col fare, alla luce di un tramonto sul mare che alleviava qualsiasi stanchezza…

P80803-185109.jpg
3 agosto 2018 – Malga Zanoni nel verde, vista mare…

Il sesto giorno è cominciato presto, ci aspettavano una trentina di kilometri, non sempre facili. Il cantare insieme sul raro pezzo di asfalto che dovevamo fare fino al Passo del Bocco ci ha dato un ché di allegria, di brio che ci ha accompagnato fin sul Monte Zatta, al lasciare l’ombra e scendere scendere scendere ripidi per la nuova Alta Vie Delle Cinque Terre che avevamo di fronte. Sembra strano scrivere scendere quando il cammino è stato un susseguirsi di cima in cima, cresta cresta ma le discese sono state davvero ardite come la canzone di Battisti, impegnative fino ad arrivare ad una carrareccia apparentemente interminabile che portava finalmente al Rifugio Treggin Roccagrande del nostro amico Andrea. Il sollievo di tutti era palpabile, la giornata era stata strepitosamente bella e difficile,; la doccia, gli abiti puliti, la cena in una tavola rotonda che raccontava molto di come ci sentivamo.

P80804-203720
4 agosto 2018 – Tavola apparecchiata al Rifugio Treggin Roccagrande

Stavamo bene, contenti di essere arrivati fini lì dove Sestri e il suo mare apparivano ormai a un passo da noi….

P80804-194559
4 agosto 2018 – Sestri Levante dal Rifugio Treggin Roccagrande

Settimo e ultimo giorno, la distanza da fare non lasciava pensare alla sua difficoltà. C’era la metà dei kilometri da fare rispetto a quasi tutte le tappe, un terzo rispetto al giorno prima ma stavolta era il Sole e il calore di scendere verso quota 0 slm che hanno fatto la differenza. Il monte Treggin con i suoi 850 metri va quasi scalato.

P80805-100010
5 agosto 2018 – Salendo sul Monte Treggin

Subito dopo inizia un percorso senza tracce, difficile perché dimenticato, quindi sporco di natura e sempre più spoglio di alberi e d’ombra fino alla frazione di Villa Tassani dove avevamo una piacevole sosta e un piccolo appuntamento…

P80805-133536.jpg
5 agosto 2018 – L’orto di Henry a Villa Tassani.

Lentamente i passi ci introducevano attraverso un sentiero rinverdito di vernice rossa tra campi e minusole frazioni, sempre in vista del mare, fino alla chiesa di Santa Margherita di Fossa Lupara che segna l’ingresso a Sestri Levante.

P80805-154221
5 agosto 2018 – Sestri Levante, leviamo gli scarponi…

Tolti gli scarponi e gli zaini, lasciato tutto in auto, ci siamo vestiti da mare per arrivare piano piano alla Baia del Silenzio. Il bagno non era dei migliori, ma avevamo diritto e dovere di farcelo dopo sette giorni di cammino, il piacere era tutto lì 🙂

Ci siamo tornati di notte, dopo cena e prima di riposare nella casa di Lucia: ospitale quanto calda :), per avere un po’ di quella bellezza che rende suggestivo il luogo…

P80805-221752

P80805-222300
5 agosto 2018 – Baia del Silenzio, Sestri Levante.

L’esperienza è finita, il giorno dopo siamo ritornati tutti alle proprie realtà. Ognuno ha portato con sé un pezzo di questo Tempo, l’augurio è che lenisca ricordandolo il fare quotidiano sempre troppo convulso…. 🙂

Grazie a Lia, Luisa, Giuseppe, Lucia e Laura, Tina per la fiducia nel lasciarsi condurre…

🙂

 

p.s. ho scritto tempo fa su facebook che quello che propongo non è una semplice esperienza limitata al camminare, quel che ho scritto vuole avere il senso di raccontare che tutto ciò che mi ruota intorno è messo in gioco, con semplicità e affetto, per il piacere di tutti, me per primo 🙂